Meglio un servizio di home staging o un rendering virtuale?

L'home staging è una tecnica di marketing immobiliare che consiste nell'allestire fisicamente gli spazi di un immobile in vendita, inserendo arredi e complementi che permangono temporaneamente fino a vendita avvenuta. Il servizio è corredato di book fotografico dedicato all'immobile che mira a far leva sull'emozione creando pulsione d'acquisto.

I rendering sono invece  riproduzioni grafiche 3D degli ambienti. Nascono come strumento per architetti e interior designer per presentare un progetto al committente. I non addetti ai lavori non riescono spesso a immaginare i volumi di una casa o delle singole stanze su un progetto tecnico, perciò per presentare il lavoro al meglio è quasi necessario esporlo virtualmente. 

Negli ultimi tempi il render virtuale è diventato uno strumento di marketing utilizzato da investitori e consulenti immobiliari per presentare al meglio gli immobili che necessitano di una ristrutturazione. 

C'è chi ama e si affida totalmente al render e c'è chi invece predilige l'home staging che in fase di visita risulta essere più efficace. Poi c'è chi è indeciso e si chiede quale delle due tecniche è più efficace.

Voglio prendere in esame le potenzialità di questi due strumenti in modo che possiate fare una scelta avendo una visione completa.